Edie Mukiibi, giovane agronomo ugandese, è il nuovo vicepresidente internazionale di Slow Food

In occasione della riunione del Comitato Esecutivo in corso in questi giorni a Bra (Cn), Edie Mukiibi è stato nominato vicepresidente di Slow Food Internazionale (in aggiunta alla cuoca e attivista Alice Waters, che era stata riconfermata nel ruolo durante l’ultimo Congresso Internazionale di ottobre 2012).

Nel darne l’annuncio, il presidente Carlo Petrini ha voluto sottolineare che questa nomina esprime l’impegno dell’organizzazione in Africa: «Qualche anno fa abbiamo lanciato i primi semi dell’ambizioso progetto di realizzare 1.000 orti nel continente africano. Un obiettivo ampiamente raggiunto oggi, grazie alla mobilitazione della rete di Slow Food che coinvolge oltre 50.000 persone, tra contadini, agronomi, studenti e insegnanti in 30 Paesi africani. Questo scenario ci permette di rilanciare, con una nuova sfida, 10.000 orti in Africa. Dietro questo zero in più c’è una visione, che mira a formare una rete di giovani leader africani in grado di prendere in mano la politica agricola e di affermare la sovranità alimentare in tutto il continente».

Edie Mukiibi ha 28 anni e dal 2012 è membro del Comitato Esecutivo di Slow Food. Vive e lavora in Uganda, dove ha creato un gruppo di giovani appassionati e opera a fianco delle comunità contadine, riuscendo a raggiungere anche i villaggi più sperduti grazie a un uso innovativo di radio e telefonini. In particolare, ha avviato nel suo paese 75 orti e due Presìdi, ed è altresì impegnato sul progetto dell’Arca del Gusto. Dal 2006 lavora a un progetto che aiuta i bambini di zone rurali a produrre il proprio cibo in modo sostenibile.  Edie propone un nuovo modello di cooperazione che spesso, come dice lui, si basa non tanto su donazioni e sul denaro, ma su collaborazioni e scambi di servizi.

«Sono felice di svolgere un ruolo attivo di leadership, per poter continuare a sviluppare le attività della rete in Africa. Questo obiettivo potrà essere conseguito grazie al supporto e alla collaborazione dei leader africani di Slow Food, in tutti 30 i Paesi in cui siamo presenti. In Africa è giunto per noi il momento di promuovere il nostro cibo e la nostra gastronomia, di rafforzare i nostri sistemi alimentari tradizionali e le comunità locali e di difendere la biodiversità dei nostri prodotti».

La nomina di Edie Mukiibi a vicepresidente internazionale di Slow Food arriva alla vigilia di “Slow Food for Africa”, evento che vedrà la presenza di Carlo Petrini (Presidente di Slow Food), José Graziano da Silva (Direttore generale della FAO), Cècile Kyenge (Ministro italiano dell’integrazione), cinque rappresentanti africani (John Kariuki and Eunice Njoroge dal Kenya, Edie Mukibi dall’Uganda, Bineta Diallo dal Senegal e Mariam Ouattara dalla Costa d’Avorio) e di 450 sostenitori e amici del progetto (giornalisti, imprenditori, attori, registi and tanti fiduciari e soci di Slow Food.

La diretta streaming dell’evento andrà in onda da Milano, dalle 18 alle 20 di lunedì 17 febbraio (www.slowfood.it e www.fondazioneslowfood.it). Il giorno successivo sarà disponibile sul canale youtube di Slow Food Italia e, in lingua inglese, su old.slowfood.com e su www.slowfoodfoundation.org .

  • Did you learn something new from this page?
  • yesno